10659226_10152692228899153_1943209852522928938_n

RESTORING THE WORLD– CURA
Progetto espositivo di Giorgia Severi
curatore: Chiara Massini
presso lo spazio P.Ar.Co (Padigline Arte Conteporanea) Via Pio X Casier- Treviso
sabato 20 settembre 2014
sostegno di Avanscena
patrocinio del Comune di Casier, LegAmbiente

 

Restoring the world – Cura è un progetto espositivo dell’artista Giorgia
Severi che affronta, attraverso una pluralità di linguaggi e strumenti, i
temi della memoria e della relazione simbiotica profonda tra uomo e ambiente,
proponendo una riflessione sulla necessità di tutelare l’ecosistema del
quale siamo parte integrante. Nasce per raccontare la storia di una terra
bruciata: i circa 60 ettari della pineta di Lido di Dante, appartenenti al
Parco Delta del Po e patrimonio UNESCO, distrutti nel 2012 da un incendio
doloso. Un territorio ferito, sfregiato, come una lacuna in un affresco.

Il lavoro si compone di diverse fasi. Parte come percorso di ricerca:
l’artista svolge un’opera di documentazione sul luogo, raccoglie frammenti
organici (legni combusti) che poi restaura, effettua rilievi  sulla zona
colpita dall’incendio. In un secondo momento Severi restituisce al pubblico
gli elementi raccolti attraverso una performance (Operazione Campo Base,
Ravenna, settembre 2013), sculture, fotografie, rilievi calcografici e cartacei
e un film.

Al cuore del progetto si trova l’idea di “Cura”: cura intesa come
responsabilità e amore per il macrocosmo di cui siamo parte, per il disegno
circolare della natura del quale l’umano è solo una parte infinitesimale.
Cura come restauro, come pietas verso i frammenti arborei, feriti portati
via dal campo di battaglia. Cura come ricerca, urgente e necessaria, di un
nuovo equilibrio e di una riconnessione consapevole tra l’uomo e tutto ciò
che è vivente.  Restoring the world – Cura si propone di divenire un percorso
itinerante – curato da Chiara Massini – fruibile in un’unica soluzione
espositiva, da portare in diversi territori per sensibilizzare e stimolare
riflessioni sulle tematiche ambientali.

Il progetto farà parte, nel 2014, del programma espositivo diP.Ar.Co. –
Padiglione Arte Contemporanea a Casier (TV).P.Ar.Co. condivide la
filosofia dell’opera
di Giorgia Severi e desidera dare visibilità ai potenti strumenti
espressivi adottati dall’artista per veicolare il suo messaggio. Il contesto
scelto è quanto di più adeguato ad ospitare il lavoro di Severi: P.Ar.Co si
trova all’interno del Parco Naturale Regionale del Fiume Sile, da tempi
remoti luogo privilegiato di interazione tra l’uomo e la natura.

 

http://article.wn.com/view/2014/08/26/Italian_artist_Giorgia_Severi_to_bring_Indigenous_voices_to_/